Alessandro V

Pietro Filargo o Filargeto, francescano, antipapa. Nasce a Candia nel 1340 e rimane ben presto orfano dei genitori, venendo quindi allevato da un dotto religioso dei padri conventuali di San Francesco; studia ad Oxford e Parigi, diventa professore dell'università di Pisa e quindi entra alla corte di Gian Galeazzo Visconti con funzione di ambasciatore. Viene nominato arcivescovo di Milano nel 1402 e cardinale nel 1405. E' uno dei protagonisti del concilio di Pisa, che, per mettere fine allo scisma d'occidente, depone i due pontefici, quello romano e quello avignonese, e lo elegge (il 26 giugno 1409) papa con il nome di Alessandro V, istituendo così una terza obbedienza; da taluni è considerato papa legittimo. Muore a Bologna il 3 maggio 1410; il suo breve pontificato non riveste grande rilievo.

CAIROLI (fratelli)

Sono cinque fratelli, patrioti italiani originari di Pavia, che si sono distinti nei moti rivoluzionari ottocenteschi: Benedetto (1825), Ernesto (1832), Luigi (1838), Enrico (1840) e Giovanni (1842). Nel 1859 i primi 4 fratelli si arruolano nei "Cacciatori delle Alpi" organizzati da Garibaldi, mentre Giovanni, troppo giovane, rimane a casa. Dei fratelli, solo Benedetto non si immolerà per l'unità d'Italia. Ernesto cade a Varese nel 1859, combattendo contro gli austriaci; Luigi muore di tifo a Napoli nel 1860 mentre si sta congiungendo alla spedizione dei Mille, cui partecipa Benedetto a capo della VII Compagnia, composta da pavesi e lomellini; Enrico cade in combattimento, a Villa Glori, nel 1867; Giovanni muore due anni dopo a seguito delle ferite riportate nello stesso combattimento di Villa Glori.

Benedetto, tra il 1861 ed il 1870, viene eletto deputato al Parlamento del neocostituito Regno d'Italia nelle file della sinistra; diventa in seguito primo ministro dal marzo al dicembre 1878, e dal luglio 1879 al maggio 1881, in alternanza con il senatore vogherese Agostino Depretis. Tra le riforme interne più significative portate a termine da Benedetto è da segnalare l'introduzione dell'obbligo dell'istruzione elementare dal 1879. Rimproverato di aver seguito una politica estera assai lesiva degli interessi dell'Italia, specialmente nei confronti della Francia, nel 1881 si dimette e si ritira a vita privata. Benedetto, medaglia d'oro al valor militare, si spegne a Capodimonte (Napoli) il giorno 8 agosto 1889, ospite del re Umberto I, cui ha salvato la vita il 17 novembre 1878, ricevendo una pugnalata diretta al sovrano. E' sepolto nella tomba di famiglia, assieme ai suoi fratelli, a Gropello.

Eleonora DUSE

Nasce a Vigevano il 3 ottobre 1858. Considerata una delle migliori attrici di tutti i tempi, fin dalla giovanissima età ricopre il ruolo di protagonista nella compagnia teatrale del padre, Alessandro Duse, e di Cesare Rosaspina. A sedici anni ottiene un buon successo all'Arena di Verona, recitando nel ruolo di Giulietta in "Giulietta e Romeo" di Shakespeare. Diventa celebre nel 1878, quando si esibisce a Napoli nei Fourchambault di Emile Augier. L'anno successivo, il celebre attore Cesare Rossi la vuole come prima attrice, e con la sua compagnia prima, e, dal 1886, da sola, la Duse diventa famosa in tutto il mondo. Interpreta le opere dei più grandi drammaturghi dell'epoca, tra cui Hermann Sudermann, Giovanni Verga, Henrik Ibsen. Nel 1897 inizia la sua relazione con Gabriele d'Annunzio, e da allora si dedica soprattutto a recitare e a promuovere i drammi del letterato italiano. Nel 1909 la salute malferma costringe l'attrice al ritiro, ma dopo qualche anno, nel 1921, è costretta, per motivi finanziari, a tornare in scena. Per tre anni, fino alla morte, la Duse è in tournée in Italia, in Inghilterra e negli Stati Uniti. Muore a Pittsburgh il 21 aprile 1924.

Giacomino e Pantaleone

Originari di Confienza, vissuti entrambi nel XV secolo. Giacomino è priore del Collegio medico di Torino, mentre Pantaleone acquista rinomanza quale lettore di medicina, dapprima all'università di Pavia, poi allo "Studium" torinese; è anche il medico di corte di Ludovico il Moro.

Pietro GROCCO

Nasce ad Albonese nel 1856. Insigne clinico e senatore del Regno d'Italia, a lui si deve, tra l'altro, la "scoperta" delle virtù termali di Montecatini. Muore nel 1916 a Courmayeur.

padre Francesco PIANZOLA

Padre Francesco Pianzola Grande cultore della storia Lomellina, ed in particolare di Sartirana, in cui ha i propri natali, sacerdote Oblato della Diocesi, valente predicatore, ottimo scrittore, ardente apostolo tra i giovani negli oratori e nelle associazioni. Il giorno 8 maggio 1919 fonda a Mortara l'istituto religioso delle Suore Missionarie Immacolata Regina Pacis.

Le prime suore vengono formate ad una missione particolare nelle campagne della Lomellina, dove più calda è la lotta dei lavoratori sfruttati ed oppressi. Inviate nei cascinali più lontani dai centri urbani, visitano ed incontrano la gente più umile ed emarginata. Particolare attenzione viene rivolta alle giovani e alle donne. Oggi questo ordine religioso è ancora molto attivo in Lomellina, in diverse parti d'Italia, in Francia, ed anche in luoghi di missione, in particolar modo in Africa (Costa d'Avorio, Mali e Burkina Faso) e in Brasile (San Paolo, Goias e Pernambuco).

Silvio PIOLA

Silvio Piola Nasce a Robbio il più grande cannoniere del calcio italiano. Centravanti di sfondamento, protagonista dal 1930 al 1954, si impone grazie alla notevole prestanza fisica ed alle doti acrobatiche. Disputa 536 partite nel campionato in serie A, segnando la cifra record di 274 reti sul totale di 395 fatti nella sua carriera. Milita nelle fila di Pro Vercelli, Lazio, Torino, Juventus e Novara, senza mai riuscire a conquistare uno scudetto. In compenso si aggiudica per due volte la classifica dei cannonieri (nel 1937 e 1942, sempre con 21 reti). E', soprattutto, il bomber della nazionale azzurra campione del mondo in Francia nel 1938, dove ha modo di esaltarsi a fianco di un altro grande del calcio italiano, Giuseppe Meazza. Segna 5 gol, tra cui due decisivi in finale contro l'Ungheria. Tra le sue reti storiche, ce n'è una segnata astutamente di mano, che permette all'Italia di pareggiare 2-2 con l'Inghilterra, a Milano, nel 1939. Muore a Vercelli nel 1996.

Ludovico Maria SFORZA, detto "il Moro"

Nasce nel castello di Vigevano, nel 1452; figlio di Francesco Sforza e di Bianca Maria Visconti. Alla morte del fratello Galeazzo Maria, duca di Milano, Ludovico cerca di estromettere dalla carica il giovane nipote, il duca Gian Galeazzo, ma il tentativo fallisce ed egli viene esiliato in Toscana. Nel 1480, dopo tre anni di lontananza, ottiene di poter rientrare a Milano, e riesce a farsi nominare tutore di Gian Galeazzo; nel 1494, alla morte di questi, Ludovico venne insignito ufficialmente del titolo di duca. Incoraggiato anche dalla moglie Beatrice d'Este, diventa un grande mecenate e accoglie alla sua corte artisti e studiosi di straordinario talento, fra cui Leonardo da Vinci; grandiose, tra l'altro, sono le opere che ha fatto costruire a Vigevano. Le sue iniziative politiche, tuttavia, sono disastrose per l'Italia: alleato inizialmente con il re Ferdinando I di Napoli, teme poi che il matrimonio tra Gian Galeazzo e una nipote di Ferdinando (avvenuto nel 1489) possa costituire una minaccia per il suo potere e muta posizione; relega Gian Galeazzo a Pavia, e nel 1494 sostiene Carlo VIII re di Francia nei suoi progetti di conquista del regno di Napoli. Nel 1495, però, preoccupato delle mire espansionistiche dei francesi, Ludovico si unisce a Venezia e riesce a scacciare gli invasori. Nel 1499, il re Luigi XII, succeduto a Carlo sul trono di Francia, scende nuovamente in Italia e conquista Milano. Ludovico allora fugge in Germania; torna in Italia un anno dopo con nuove truppe, ma viene catturato e portato come prigioniero in Francia, dove muore, a Loches, nel 1508.